Raccolta differenziata

Pubblicato il 12/10/2017


Continuano le chiamate da parte di produttori di rifiuti speciali che vogliono mettersi in regola.

Le richieste al momento vengono dalle zone di Capaci, Carini, Terrasini grazie ai controlli condotti dalle autorità competenti al fine di evitare l'abbandono di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi per strada e/o nei cassonetti adibiti alla raccolta dei rifiuti urbani.

Oltre a questo  "incentivo" a "costringere a mettersi in regola" è la raccolta differenziata organizzata dai Comuni che "costringe" produttori di rifiuti speciali, quali officine meccaniche, carrozzerie, etc. a non poter più gettare i rifiuti provenienti da autoveicoli ( ad esempio) prodotti dalle loro attività, nei cassonetti.

Di conseguenza sono arrivate richieste di prelievi occasionali di rifiuti posti sotto sequestro e richieste di stipula convenzioni per la gestione dei rifiuti. Spesso il voler risparmiare o non voler affrontare i costi per lo smaltimento dei rifiuti comporta (come accade) dover affrontare una spesa maggiore ( sanzioni amministrative, smaltimento immediato di rifiuti posti sotto sequestro a costi maggiori, etc.).

Concludendo consigliamo sempre stipulare una convenzione con ditta autorizzata alla raccolta, trasporto e smaltimento rifiuti perché essere in regola conviene sempre, sia per la salvaguardia dell'ambiente, sia per "le proprie tasche".

Categorie blog